In Ginocchio Davanti Alla Bandiera

Il 2016 segna mezzo secolo dall’inizio della vicenda che avrebbe costretto Muhammad Ali a quasi 3 anni di stop forzato. Il segregazionismo in senso stretto è un capitolo chiuso da decenni, ma non si può dire lo stesso delle discriminazioni razziali su cui si basava, tanto che le plateali proteste civili da parte di un altro noto atleta con motivazioni analoghe a quelle del pugile del Kentucky lo condurrà a un simile destino di emarginazione. Dal punto di vista del valore sportivo, Colin Kaepernick non è paragonabile al leggendario campione dei pesi massimi. È un buon quarterback, e quello che è riuscito a dimostrare nel corso della sua carriera nella NFL lo colloca nell’elenco degli atleti che difficilmente si trovano senza un posto da titolare. Non sembra essere ai livelli di campioni come Joe Montana o Tom Brady, e nemmeno …

Una Farfalla In Un Barattolo

Quando nel 2016 le agenzie di stampa diffusero la notizia della morte di Muhammad Ali, l’unanimità del cordoglio e le celebrazioni della sua grandezza atletica raccontarono una storia di consenso e di apprezzamento in apparenza senza dissensi. Ma come spesso accade nel caso di quei personaggi che non si sono sottratti a polemiche e controversie, nei cori di lodi di questa folla indistinta si nascondono anche le voci di quanti non la pensavano allo stesso modo quando queste figure erano all’apice della loro popolarità o, più in generale, di coloro che dei detrattori condividono le opinioni. L’unanimità della celebrazione è un colpo di spugna sugli aspetti più spigolosi e polarizzanti e, soprattutto, sulle ragioni che in altri tempi avevano attirato forme di astio per nulla trascurabili. L’adesione alla Nation of Islam e la scelta di cambiare nome per ragioni storiche …

State Zitte e Cantate

Nel 2003, le Chicks (note fino a poco tempo fa come Dixie Chicks) erano all’apice della loro carriera. Già da tempo la loro miscela di country pop e bluegrass riusciva a scalare le vette delle classifiche non solo nell’ambito del loro genere musicale ma anche in quelle generali, e non solo all’interno dei confini statunitensi. Di solito, le produzioni country faticano a uscire dagli Stati Uniti, tanto che gruppi e artisti in grado di vendere milioni di copie in patria possono risultare pressoché sconosciuti all’estero. Ma il gruppo formato da Natalie Maines e dalle sorelle Emily Robison e Martie Maguire era riuscito a entrare nel ristretto club delle eccezioni, tanto che nel giro di pochi anni il trio era diventato una delle band femminili più popolari di tutti i tempi, e riusciva a totalizzare il tutto esaurito ai concerti anche …

Disclaimer

A leggere gli articoli sui maggiori quotidiani nazionali, o a sentire le loro controparti negli studi televisivi, sembrerebbe quasi di vivere in una realtà in cui ogni giorno la libertà di espressione si trova sotto assedio, minacciata da richieste e rivendicazioni da parte di minoranze prepotenti che vorrebbero impedire alla maggioranza delle persone di godere dei propri diritti democratici. Poco importa che si tratta di associazioni per la parità di genere, per il rispetto delle minoranze etniche, per la tutela delle persone con disabilità o altro ancora, e ancora meno importa il fatto che il più delle volte si tratta di richieste che dovrebbero essere di elementare civiltà (come, ad esempio, non veicolare messaggi omofobi o razzisti), ogni volta che una certa parte della maggioranza sente che le proprie consuetudini vengono messe in discussione, innalza cori di dolore al cielo …